SEO multicanale

Standard

Avrei voluto chiamare molto più banalmente questo post come “Riflessioni a margine del SymposiumGT di Roma” ma come ogni evento a cui si partecipa, c’è sempre qualcosa che uno porta via con se, qualcosa a cui ci si affeziona, qualcosa a cui si deve dare necessariamente una ricompensa.

Tra gli spunti più interessanti, un’idea, riconosciuta e condivisa da tempo certo, ma formulata in modo originale da Giorgio Taverniti: per aumentare la link popularity occorre conquistare zone del web ancora poco battute.

Cosa significa? A me piace definirla come SEO multicanale. Diversificare la provenienza dei backlink e le fonti che citano/linkano al nostro sito permette di aumentare il traffico in ingresso e migliorare il posizionamento sui motori di ricerca. Molto di più di quanto si otterrebbe con attività per la creazione di link artificiali dispendiose come l’article marketing.

Qualità e creatività sono due condizioni fondamentali soprattutto perché una strategia SEO che punti sulla creazione di link spontanei richiede che i contenuti possano differenziarsi dal flusso comune di informazioni a cui siamo sottoposti. Vediamo quali sono le strategie SEO “naturali” che possiamo utilizzare per migliorare la link popularity:

1) Guest post. Proporsi come autori su blog o altri siti permette di aumentare il proprio bacino di lettori e comunica a Google informazioni sulla nostra autorevolezza nel settore.

2) Commenti su blog. Commenti di qualità, che aggiungono valore al post, aumentano la possibilità che i lettori di quel blog clicchino sul nostro link e conoscano il nostro sito.

3) Forum posting. Creare profili utente fantasma non ha più alcun valore. La qualità in questo tipo di attività si declina spesso nella costanza/dedizione con cui la si porta avanti. A differenza di un commento su un blog, che ha un ciclo di vita breve, legato spesso all’attualità del post a cui si accompagna, creare un profilo attivo sui forum permette però di accrescere la nostra autorità sul forum e “aumentare” nel tempo valore e quantità di link al nostro sito.

4) Podcast o video. Non è un mistero la capacità di attrazione suscitata dagli oggetti multimediali rispetto ai contenuti testuali.

5) Ebook. Un ebook è facilmente scaricabile e condivisibile tra le persone. Il packaging con cui si distribuiscono i materiali infatti presuppone che quella risorsa sia il risultato di un impegno creativo superiore rispetto a quello che potrebbe essere un post su un blog.

Siate originali, siate diversi, siate creativi. Ne gioverà il posizionamento organico e ne gioverà l’interesse che avete per il vostro lavoro. Perché ogni giorno avrete voglia di cercare qualcosa di nuovo da poter proporre, ogni giorno troverete nuove zone del web che ancora non avete esplorato.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

7 − four =