Aggiornamenti da casa Facebook

Standard

Se siete degli “smanettoni” di Facebook non vi sarete potuti perdere le novità introdotte dal social network in quest’ultima settimana.

Facebook ha infatti creato una nuova pagina Amici intuitiva e pratica grazie alla quale sarà possibile organizzare le proprie amicizie per liste. Una novità interessante per chi è particolarmente attivo in rete e deve gestire numeri da star. Infatti una volta creata una lista di amici, per esempio conoscenti, colleghi, compagni di scuola o quanto possa dar vita la vostra immaginazione, potrete utilizzare le liste per inviare messaggi o inviti di gruppo o impostare la privacy sui contenuti pubblicati. Ad esempio: “Non voglio che i miei colleghi sappiano che ieri ho preso una sbronza con i miei amici d’infanzia”. Creo due liste distinte e imposto diversi livelli di privacy.

Allo stesso modo sarà possibile filtrare i contenuti e le storie pubblicate in Home Page mediante le liste o le opzioni presenti. E’ di oggi l’inserimento di un nuovo filtro, Aggiornati di recente, che permette di mostrare nello stream della Home Page solo gli ultimi aggiornamenti e di visualizzare nella pagina Amici quelli che abbiano modificato di recente il loro profilo.

La filosofia di questi tempi sembra essere quella di potare, sminuzzare e organizzare il maremagnum di informazioni che altrimenti renderebbero l’esperienza d’uso sgradevole ed incontrollabile.

3 thoughts on “Aggiornamenti da casa Facebook

  1. Non so quanto mi aiuteranno le liste di amici, visto che non organizzo un evento al giorno. Mi sarebbero più utili delle gradazioni intermedie tra il visualizza e il nascondi, un modo per dare un peso percentuale a un amico o a un altro in modo che compaia una quantità di informazioni diversa a seconda del livello di amicizia. Ma poi sarei costretta a mettere gli amici in ordine di amicizia, a problemi de tipo vuoi-più-bene-alla-mamma-o-al-papà. Che è difficile da fare oltre che folle, perché costringe a una lucidità sociale che magari io, per ora, non voglio avere. Ecco. Certo che superati i 200 face-amici diventa un casino. E non so se c’è soluzione, a parte che nell’espansione della memoria cerebrale.

  2. beh l’espansione della memoria cerebrale sarebbe indispensabile per gestire le sfaccettature dell’identità digitale. Per quanto riguarda le gradazioni nella visualizzazione degli aggiornamenti, se non ricordo male, la vecchia versione di FB aveva uno strumento utile (che ora fatico a ritrovare) che permetteva di regolare (come una sorta di equalizzatore sociale) il volume delle interazioni. Ma arriverà anche quello anche se io, di quei problemi, non ne avrò perchè non vorrò averne. Facebook lo preferisco come un “giardino chiuso”.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

5 × three =