Facebook: come filtrare gli aggiornamenti

Standard

Le ultime modifiche di Facebook non sono piaciute ai suoi utenti alimentando critiche e proteste. La novità ha generato confusione e senso di smarrimento. In parte è una conseguenza logica del rinnovamento, in parte è frutto del sovraccarico di informazioni e contenuti apportate dal nuovo “Live Feed”. Se in passato infatti era possibile seguire gli aggiornamenti dei propri amici spuntando un tab apposito, oggi il lifestreaming è diventata la parte principale del social network.

Il rischio era e rimane quello di essere sommersi da una mole di informazioni incontrollabili. Tanto più quando si risolvono in quiz o applicazioni poco utili. Da martedi Facebook ha introdotto alcune novità tecniche (al momento in cui scrivo non ho potuto ancora verificarne il funzionamento) che permettono di:

  1. nascondere gli aggiornamenti in base al tipo di applicazione
  2. creare liste di amici direttamente dalla home page
  3. inviti e richieste ritornano sulla destra

La soluzione al content overload potrebbe essere quella dei filtri granulari, come lo definisce Nick O’Neil, ovvero la possibilità di decidere quali tipologie di aggiornamenti ricevere sulla propria pagina, che siano news, quiz o applicazioni varie.

Se le scelte precedenti hanno creato un guazzabuglio di strumenti in cui era difficile orientarsi, la direzione intrapresa con quest’ultima novità è quella di sottrarre, di filtrare i contenuti attraverso opzioni sempre più specifiche in modo da garantire un’esperienza d’uso personalizzata e quindi remunerativa in termini di praticità.

Perchè in effetti tra “Che libro sei?”, “Che film vorresti essere?” e quant’altro non se ne poteva proprio più. Applicazioni e quiz hanno saturato il terreno della conversazione.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

7 − 6 =